Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hobocombo ‘Now that it’s the opposite, it’s twice upon a time’

(Trovarobato 2011)

Louis Thomas Hardin in arte Moondog è stato un musicista non vedente attivo e vissuto soprattutto nelle strade di New York dagli anni ’40 agli anni ’70, per poi finire in bellezza la sua carriera in Germania nei ’90. Atipico ed eccentrico personaggio, inventore di bizzarri strumenti che suonava nelle sue composizioni che spaziavano dal jazz ai lavori orchestrali alle registrazioni ambientali, vestiva quasi esclusivamente da vichingo tanto da meritare l’appellativo ‘The Viking of Sixth Avenue’. Apprezzato da musicisti di ogni estrazione come ad esempio Philip Glass, viene ora omaggiato da questo trio composto da Francesca Baccolini (proveniente dall’esperienza Urania) alla voce e al contrabbasso, Andrea Belfi (proveniente dall’esperienza Rosolina Mar) alla batteria e alla voce e da Rocco Marchi (proveniente dai Mariposa) alla chitarra elettrica e voce. I nostri riprendono una selezione di brani dal repertorio dell’artista e li riattualizzano con la loro bravura e la loro voglia di divertirsi. Lo si vede fin dalla progressione minimale Theme, con cui aprono l’album, passando attraverso Stamping Ground in cui il sintetizzatore intreccia con la chitarra una delicata ballata malinconica che scivola nella fantascienza, come anche l’elegia Bird’s Lament scritta in memoria di Charlie Parker, da loro resa una danza tribale in continuo mutamento. Oppure la “cinematica” Witch of endor che rimanda a desolati paesaggi del selvaggio West, come infine il brano Enough about human rights con cui chiudono l’album, funkeggiante orazione in difesa dei diritti degli animali. Moondog può dormire sonni tranquilli, gli Hobocombo vegliano sulla sua opera.

Aggiunto: March 11th 2012
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: Trovarobato Records Home Page
Hits: 608
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest