Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Heroin in Tahiti ‘Death surf’

(Boring Machines 2011)

Dietro il nome Heroin in Tahiti ci sono due musicisti, forse famosi anche per altre vicende, romani, provenienti dalla periferia della capitale, che tanto ha affascinato personaggi come Pasolini, De Sica e Visconti, per ambientare i loro film neorealisti.
Non a caso “Death surf” ha tutte le potenzialità per essere considerata la colonna sonora per un film immaginario. Il sound che esce da questo disco è qualcosa di poco rassicurante e di straniante. Gli otto brani, tutti strumentali, sono strutturati su un surf di derivazione morriconiana, su cui il duo ha costruito trame sonore più o meno dilatate e psichedeliche, con influenze di kraut rock, tra pattern aperti ed altri minimali, inframmezzati da momenti inquietanti, umbratili, ma anche ansiogeni e convulsi.
L’ascolto di questo disco è un’esperienza sicuramente molto più interessante ed intrigante dell’assunzione di stupefacenti.

Aggiunto: January 8th 2012
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Boring Machines Home Page
Hits: 1601
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest