Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Deflore '2 Degrees of Separation'

(Subsound records / Code7 Distribuzioni 2011)

Eccoci di fronte al secondo album per il duo romano dei Deflore, dedito a un industrial rock/metal decisamente sperimentale, ben lungi da quello della scena principale. Qui infatti non troveremo liriche avvelenate o vocalizzi scardinati, ma solo basso e batteria arrichiti da sintetizzatori e samples; i nostri si dedicano quasi pił all'ambient/noise che all'industrial vero e proprio.
Il riferimento di partenza insomma sono molto pił gli SKinny Puppy che i Fear Factory, fortunatamente dico io, perché questo permette a Christian Ceccarelli e Emiliano di Lodovico di proporre qualcosa che vada al di lą del solito. E questo lo fanno abbondantemente, fin dagli schemi pił convenzionali de La Guerra degli Orsi, alle ambientazioni semi-noise e inquietanti di Electropause, il pezzo che ho preferito.
La successiva Doppiozero invece, investiga un'ampia gamma di suoni, dal pianoforte in sottofondo ad attacchi violenti di chitarra e basso distorto quasi a la Meshuggah. Trilogy of Gas invece sperimenta in partenza con la dinamica soft-loud, alternando delicati arpeggi chitarristici ad attacchi di dub e industrial, per poi disegnare paesaggi fumosi con una bella linea di sintetizzatore e popolarli di rabbia, per un finale davvero nero.
I Deflore insomma si specializzano in industrial colto, suonato con attenzione e voglia di sperimentare, senza restar fermi su posizioni precostituite e invece cercando nuove sonoritą, samples e atmosfere da dipingere. Per appassionati, questo sicuro, ma indubbiamente una bella chicca.

Aggiunto: November 11th 2011
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Subsound Records Home Page
Hits: 668
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest