Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Amè ‘The King Of Tramps’

(Autoprodotto 2010)

Amè è il nome d’arte del cantautore battipagliese Enrico Carrino, attivo già dalla fine degli anni ’90 con la band di alt-rock No Exit e dal 2005 sulle scene col suo progetto solista. Un progetto che prende ben altra direzione dai suoi esordi, spingendosi tra le braccia del cantautorato folk più dimesso e silente. Come se i Black Heart Procession si svestissero di tutti gli orpelli per tornare alle radici della musica.
Sarebbe facile scadere nella banalità per Carrino, ma questo “The King Of Tramps” è meno scontato e più vitale di quanto possano far pensare le premesse. Così non si direbbe dall’impostazione tradizionale di A Painful Crumb, che apre il disco, ma già dalla seguente Hate, la migliore del lotto, i loop sintetici cupi che ribollono alle spalle dell’incedere incerto del fingerpicking di Amè dicono tutt’altro. Miss Justice e Man Without Future tornano dalle parti del cantautorato folk più dark. Le note al ralenti della strumentale Choas In A Bubble si dilatano sulle ali di soffi di brezza marina, prima che Mr. Gun esploda in una scarna violenza. C’è molta confusione in My Protest, con un folla vociante a simulare l’effetto concerto, mentre in Rum Baby Rum Carrino si sposta verso territori tex-mex (!) a bassa fedeltà. La chiusura del disco è affidata alla ballatona Lady Souriere.
Spunti interessanti qua e là nel disco di Amè, che per evitare di scadere del banale dovrebbe dare maggior sfogo alla dimensione elettronica che a tratti fa capolino nell’album. Buon punto di partenza per un ragazzo dal sicuro talento compositivo.

Aggiunto: November 4th 2011
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Amè Myspace Page
Hits: 548
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest