Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Christopher Brellochs ‘Quiet City’

(Sono Luminus 2011)

Due capolavori, incorniciati da lavori di pregevole fattura: ecco, in sintesi, il contenuto di questo prezioso cd della Sono Luminus, che vede protagonista un validissimo ensemble americano guidato da Christopher Brellochs al sassofono, accompagnato da pianoforte, tromba e clarinetto, cui si aggiunge occasionalmente una viola. Proprio al quartetto appena menzionato è affidata l’esecuzione – la prima assoluta in questa versione – del celebre Quiet City di Aaron Copland, qui ancor più toccante nella sua misurata e schietta espressività, che va di pari passo con la consueta economia dei mezzi formali. L’altro capolavoro di cui parlavo è la breve quanto intensa Ballade per sax e piano di Leo Ornstein: sembra proprio che il famoso pianista-compositore sapesse sfruttare le tinte più intimistiche e profonde del sassofono, cui fa da valido sodale il pianoforte, impegnato a seguirlo in fluenti arabeschi che trasudano un’emotività intensa, inquieta, anelante. Ma il pregio di questo cd non si ferma qui. Gli altri lavori – ad eccezione del compatto, trascinante e corrosivo Sound Moves Blues di Robert Aldridge – sono forse meno distintivi; comune è la presenza, in pressoché ciascuno di essi, di sezioni veloci, briose e sincopate, alternate ad altre più lente, attraversate da un’ariosa melodicità di sapore neoclassico. E tuttavia, notevole è, in ciascun caso, la scaltrezza con cui i relativi autori (Hartley, Lunde, Barab) maneggiano il materiale musicale, che viene sapientemente elaborato in composizioni dense, concentrate e davvero piacevoli all’ascolto: degne co-protagoniste in un programma di primissimo livello.

Aggiunto: September 25th 2011
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Sonoluminus Records Home Page
Hits: 607
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest