Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Girlinky 'Hai Wakarimashita!'

(Autoproduzione 2002)

Neozelandese di origine, questa giovane e interessante ensemble shoegazer rispondeva fino ad un paio di anni or sono al nome di Inchworm, sigla con la quale ha pubblicato due album, prima di traslocare a Londra nel gennaio del 2000 ribattezzandosi Girlinky.
In attesa dell’esordio sulla lunga distanza, il 7” autoprodotto “Hai wakarimashita!” è il secondo singolo, facendo seguito a “My huge head”, che ha segnato il debutto del nuovo corso, e, con le sue tre tracce di incontenibile noise pop/rock, conferma tutte le buone impressioni a suo tempo destate da quest’ultimo.
Con la title-track chitarre affilatissime si fanno strada a suon di rasoiate, sostenute da un incessante rullar di tamburi, ma la vera goduria arriva in apertura del lato b, con I dare you to make me happy, che consente a tutto l’affiatamento di questa band di emergere, mostrando chiaramente le varie influenze che concorrono a caratterizzarne il suono: Weezer, Rentals e gli indimenticati Hummingbirds. Assolutamente travolgente. Adesso, però, vogliamo l'album.

Aggiunto: November 18th 2002
Recensore: Alessandro Crestani
Voto:
Hits: 943
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest