Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Akira Kosemura ‘How my heart sings’

(Schole Records 2011)

Dopo 'Polaroid piano' del 2009, Akira Kosemura torna quest’anno con un nuovo lavoro che lo vede protagonista assieme al suo pianoforte. A tal proposito, il nome dell’album 'How my heart sings', suggerisce già il respiro delle sonorità che Kosemura intende regalarci. Già dai primi arpeggi di Fleur, ad esempio, l’atmosfera volutamente creata è riservata, discreta, con un leggero velo di malinconia. Le stesse emozioni si provano anche per tutte le altre tracce che rischiano, per alcuni istanti, di appiattire l’album stesso. Le uniche eccezioni sonore, in un lavoro che appare incredibilmente privo di sound elettronico, sono paradossalmente rappresentate dalle incursioni del violinista Mika Shirasawa in Gray e Light Dance (già nota ai fedelissimi di Kosemura), e dal delicato sassofono di Shin Araki in Mirage e Pluie froide che fanno di 'How my heart sings' un album pulito, scorrevole, dal sapore autunnale.
Il riferimento all’autunno però non è solo sonoro, le 12 tracce proposte si accompagnano nella loro delicatezza anche a composizioni fotografiche appositamente create per l’album. Così pout pourri impreziosiscono testi antichi, immagini riflessi e ricordi non tanto lontani. Il fatto che questa volta Kosemura abbia puntato più sull’estetica che non sul minimal, e che abbia osato più con altri strumenti che non con textures elettroniche è sicuramente lodevole e l’album nel complesso risulta essere buono anche se non al livello dei precedenti. Ciò che sicuramente rimane dopo l’ascolto del disco è l’impressione che 'How my heart sings' più che essere destinato ad un comune ascoltatore, è una lettera d’amore il cui destinatario è il pianoforte. E in un momento in cui la musica sembra non aver più niente da raccontare, questo lavoro d’introspezione che Kosemura abilmente affronta, non fa che valorizzare, ancora una volta, il suo genio compositivo.


Le Tracce:
01 Fleur
02 Grey (with violin)
03 Larmes
04 Mirage (with saxophone)
05 Singing birds
06 Noel
07 Nocturne
08 Pluie froide (with saxophone)
09 Fragile
10 Lete
11 Light dance (with violin)
12 My safe place

Aggiunto: September 18th 2011
Recensore: Federica -La Roux- P
Voto:
Link Correlati: Schole Records Home Page
Hits: 551
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest