Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Moravian Philharmonic Orchestra, Vit Micka, Vaclav Macha, Matthew Davidson, Martin Levitsky & Arthur Abadi 'The Pianistic Music'

(Navona 2010)

Brani: Guilherme Schroeter, Johannes Brahms Sergei Rachmaninov e Wolfgang Amadeus Mozart

Un cd dedicato al pianismo è The Pianistic Musings, da Wolfgang Amadeus Mozart a Sergei Rachmaninov, passando per Johannes Brahms, con alcune composizioni di questo imponente repertorio intervallate dalle opere più recenti del brasiliano Guilherme Schroeter.
Di questo pianista e compositore, nato a Rio de Janeiro nel 1960 e definito come“compositore neo-romantico” nel suo sito ufficiale, il cd propone il Piano Concerto op. 216, n. 5 “Juvenile”, interpretato da Vaclav Macha e dalla Moravian Philharmonic Orchestra, diretta da Micka Vit, e il Nocturne in fa minore, op. 211, n. 15, con Martin Levitsky al piano. La magniloquenza dei tre movimenti dell’op. 216, ispirati al giocoso mondo dell’infanzia – Children Playing, Children Dreaming, Children Playing – rivelano l’influenza del repertorio per pianoforte e orchestra ottocentesco e, in particolare, della musica chopiniana rivista dal neoromanticismo novecentesco statunitense. In particolare è riconoscibile la cifra stilistica di Rachmaninov, con cui sembra condividere la predilezione per melodie ampie e riconoscibili, e di cui la compilation propone il n. 4 (Presto) dai Moments musicaux, op. 16, affidati al pianista, pronto anche ad evocare gli chopiniani Preludio op. 28, n. 3 ed Etude op. 10, n. 12 (il cosiddetto Studio rivoluzionario).
Al carattere infuocato del presto rachmaninoviano, è contrapposta la sesta delle 7 Fantasie, op. 116 (1892), opera della maturità musicale di Johannes Brahms, affidato al pianista Marti Levitsky: si tratta del terzo Intermezzo, il pezzo più meditativo e assorto della raccolta, caratterizzato da una parentesi centrale di alta cantabilità.
A conclusione di questo excursus diacronico nel pianismo tardo e post-romantico, ecco un’opera mozartiana, interpretata da Arthur Abadi al pianoforte, accompagnato nuovamente dalla Moravian Philharmonic Orchestra, diretta da Vit Micka: il Piano Concerto n. 5 in re maggiore, K. 175, dalla struttura tradizionale in tre tempi (ricalcata anche dai compositori che seguirono, fino allo stesso Schroeter), e considerata dallo stesso Wolfgang Amadeus Mozart, diciassettenne al tempo della sua composizione, come l’opera pianistica più riuscita, soprattutto nel finale (Allegro).
Interessante per gli accostamenti e i rimandi storico-estetici tra i brani, 'The Pianistic Musing', oltre a avvalorare l’eclettismo dell’etichetta indipendente Navona Records, propone quindi un ampio del repertorio pianistico dal periodo classico al tardo e post-romantico, da non perdere per gli appassionati della musica neo-romantica, in particolare statunitense.

Aggiunto: September 19th 2011
Recensore: Mara Lacchè
Voto:
Link Correlati: Navona Records Home Page
Hits: 486
Lingua: albanian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest