Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lukas Ligeti ‘Pattern Time’

(Innova 2011)

Lukas Ligeti, è bene precisarlo subito, è il figlio di Gyorgy Ligeti. Non si tratta di una mera curiosità biografica, ma di un dato che ci aiuta a capire meglio il percorso creativo del musicista-compositore austriaco. Il padre Gyorgy, una delle figure più importanti della musica colta del XX secolo, a partire dagli anni Ottanta cominciò ad assorbire le influenze della musica africana (soprattutto sub-sahariana) e a incorporarle in composizioni come il concerto per pianoforte, quello per violino e quello per corno, o come nei (giustamente) celebrati studi per pianoforte. Ad attrarre Ligeti erano soprattutto le poliritmie sviluppate dai musicisti africani, che partendo da cellule tematiche minimali, eseguite però a ritmi, metri e tempi diversi, riescono a raggiungere livelli di grande complessità, pur in un impianto di notevole coesione interna e insieme di travolgente impatto. Ciò che il Maestro ungherese fece, fu di inglobare tali idee nelle proprie composizioni, estraendole dalla matrice etnica originaria e trasportandole in un regno di astratta bellezza formale. Ciò che suo figlio fa è esattamente l’inverso. Lukas riprende le intuizioni di Gyorgy e le re-immerge nel loro territorio originario: l’Africa. Lui e i suoi musicisti – due percussionisti (tra cui lo stesso Lukas), un bassista (cui spetta il ruolo di dettare il groove trainante), un sassofonista (italiano) e un pianista – eseguono infatti – con trasporto, swing e sensibilità jazzistica – complesse trame poliritmiche di patterns che si intrecciano e “scivolano” l’uno sull’altro, dando anche sfoggio di sé negli spazi che l’Autore lascia aperti alla loro libera improvvisazione. Il risultato è una musica intricata e ritmicamente esaltante come quella di Gyorgy Ligeti, ma dal sound più rustico e insieme più fluido: meno fornita (ma non del tutto priva) della misteriosa espressività che innerva a l’œuvre paterna post-Ottanta, l’opera di Lukas comunica in modo più diretto e schietto quella radice africana che è alla base di entrambe.

Aggiunto: August 31st 2011
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Innova Recordings Home Page
Hits: 630
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest