Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lotte Kestner 'China Mountain'

(Silber Records / Darla 2010)

Rispetto al tipo di proposte a cui ci ha abituato la Silber, la scoperta della Lotte Kestner è alquanto curiosa. Si tratta del progetto solista di Anna-Lynne Williams, una cantautrice piuttosto classica che sposa chitarra e voce in maniera piuttosto essenziale.
Il suo primo lavoro, 'China Mountain', ci presenta undici pezzi prodotti e suonati interamente da lei, nella sua casetta, con l'aiuto di qualche amico. Il risultato è evidentemente spontaneo, le canzoni della Anna-Lynne si vanno a collocare in una nicchia da cantautrice americana decisamente "tipica", a là Pj Harvey. Bisogna dire che basterà ascoltare un paio di pezzi per confermarne la bravura, iniziando proprio da liriche davvero sentite. Queste son spesso piccole storie di solitudini che si vanno a dispiegare su delicate linee di chitarra, ma che spesso, più che intristire, fanno riflettere, risolvendosi quasi più in una sorta di catarsi.
Il problema principale che ho con 'China Mountain', però, è proprio la mancanza d'intensità negli accompagnamenti, che a parte qualche rara eccezione (tipo Fineline o Fainting Spells), si limitano a far da sottofondo senza interessare granché. La Torrini, per esempio, in 'Fisherman's Woman' aveva risolto il problema affidandosi a bravi chitarristi, qui, ahimé, la stessa cosa non succede con Kestner.
Particolarmente evidente la cosa è nell'unica cover del disco, Leif Erikson degli Interpol, scelta indubbiamente curiosa. Dunque, la versione della Williams avrebbe tutte le carte in regola per superare di gran lunga l'originale, dimostrando oltretutto la chiara limitatezza espressiva della band americana, ma la Anna-Lynne decide di animarla solo nell'ultimo minuto, per il resto facendosi accompagnare da una chitarra acustica che fa quei quattro accordi e, dopo tre minuti, vi stancherà davvero.
Insomma, chi cerca una cantautrice brava, in grado di scrivere canzoni interessanti, troverà in Lotte Kestner pane per i suoi denti; per qualcosa di più coinvolgente, mi sa che dovremmo aspettare un po' di tempo.

Aggiunto: May 13th 2011
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Silbermedia Records Home Page
Hits: 626
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest