Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Irata 'Irata'

(Silber Records / Darla 2010)

E chi l'ha detto che il progressive strumentale dev'essere necessariamente serioso, a mò dei Tortoise, e non capace di coinvolgere il corpo oltre che la mente? Direi nessuno, e arrivano dunque gli Irata con il loro album di debutto per la Silber Records a dimostrarci che una via di mezzo effettivamente può esistere.
Barcamenandosi spesso su tempi musicali piuttosto ridotti (specialmente per una struttura di canzone così tipicamente "lasca"), i tre di Greensboro portano a fruizione una proposta davvero allettante, unendo ogni tipo d'ispirazione possibile onde tracciare un percorso... effettivamente difficile da tracciare. Su ogni buona idea vi si costruisce sapientemente sopra; ascoltare il basso molto Chancellor-esco di Pilgrim, che diventa base su cui la chitarra di Jason Duff disegna accordi e note quasi drone. Ottimo anche il lavoro di batteria di Jason Ward, tentacolare e intricato come giustamente serve al genere.
Prodotto in maniera impeccabile, nei dieci pezzi di 'Irata' si trova davvero molto da apprezzare, e nonostante l'orecchiabilità sia sempre ad alti livelli è difficile entrare nel sound dei tre. Figuriamoci che a malapena vi accorgerete di essere già a metà disco e ancora nessuno è intervenuto a cantare, talmente ci si sente a proprio agio. Allo stesso tempo, però, si avverte una maggiore necessità di sperimentazione, carta che il gruppo gioca piuttosto poco, limitandosi piuttosto a tracciare il proprio percorso sul rock classico. Quando però si ascoltano quei guizzi di elettronica o di sassofono (in Lemeloing e nell'esotica e misteriosa Eye of Ra, corredata anche da un discreto video musicale in bianco e nero) si resta sorpresi e impressionati, impossibile non volerne di più.
Dunque, un'ottima prima proposta da parte degli Irata, che attendiamo volentieri per una seconda prova ove confermare quanto di buono già ascoltato.

Aggiunto: May 13th 2011
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Silbermedia Records Home Page
Hits: 630
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest