Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hermetic Brotherhood Of Luxor 'Ethnographies Vol.1: Musèe de l’Homme Hermètique'

(Trasponsonic 2010)

Torna in azione, il vettore lisergico esplorativo preferito, di casa Trasponsonic.
“Ethnographies Vol.1: Musèe de L'Homme Hermètique”, è il primo anello, di una collana in tre volumi (in doppio cd a tiratura limitata), che rimesta materia occasionale, fra scarto putrido e pietra preziosa.
Indifferente a questo punto, Hermetic Brotherhood Of Luxor, tracima minaccioso.
Suoni che sanno di rabbia malcelata, di campagne spopolate, di casali abbandonati, di ricordi strappati e speranze inespresse.
Indecisi nel proprio ondeggiare, sotto l'insegna al neon di un bar aperto, nella solitudine della statale.
Sentirne il silenzio circostante, un leggero sibilo in lontananza ed un battito incazzato, premere nel torace.
Suoni a pugni stretti, violenti, ancestrali, infinitamente lisergici (chiedete a Julian Cope, cosa pensa di loro...).
Sconvolti sul serio, ma fuor di ogni canone.
Un bivio emotivo, uno svincolo a rilascio lento (i primi Clock Dva quasi free, i Cabaret Voltaire di “Red Mecca” e “Three Mantras”, sfrigolio di corde Godflesh, varie porzioni kraute, il Mediterraneo ed i suoi veleni nascosti).
“Urano 1935” e “Glup Alak Tum..!!!”, son due tracciati sconnessi, impervi, deliranti senz'altro, che non cercano facili scorciatoie, son dolorosi, ma reali; fottutamente reali.
E se tagli la carne, stai sicuro, che il sangue uscirà.
A meno che la morte non sia passata prima.
Ma quando tutt'intorno è irrimediabilmente andato, anch'essa cos'altro può fare?
Imperfetti, isolati e non allineati.
Oltre la Sardegna, non riesci ad immaginarli in nessun luogo (altro che Texas..).
Pecore, rocce, gente che non ha più un soldo in tasca, le case che si vuotano, i vecchi che rimangono a succhiarsi le dentiere, i giovani, che sperano in una dentiera da succhiare, e non riescono ad immaginar altro luogo dove andare, e ci si ritrova tutti, stretti, impauriti, a dir le stesse cose, a far finta di niente, a dirsi che tutto procede, che ce la potremo fare, ognuno di noi, perso ed isolato, fra nani di governo, troie, Bondi depressi e falsi oppositori.
Il suono dello smarrimento.
Unico, personale, tragico.
Nostro.

Aggiunto: April 3rd 2011
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Trasponsonic Records Home Page
Hits: 820
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest