Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bearsuit ‘The Phantom Forest’

(Fortuna Pop! 2011)

I Bearsuit mi hanno saputa conquistare. Al primo ascolto di “The Phantom Forest” ho pensato che fossero dei pazzi con un gran caos dentro e senza una linea logica da seguire tra elettronica, punk e rock. In realtà quest’album è uno di quelli che arriva dopo e ha bisogno di più ascolti perché effettivamente le cose da assimilare sono tante e ben fatte. Colpiscono subito l’alternarsi della voce (più dura) maschile e di quella (più dolce) femminile, i cori spesso angelici e il mix perfetto tra elettronica e rock, praticamente i Daft Punk che stringono la mano agli Yeah Yeah Yeahs. Princess, you’re a test è forse l’episodio meno convincente, mentre stupenda la parte elettronica con Please don’t take him back, When will i be queen, Giant archaeopteryx, Kwaa kwaak che sembra uscita da un cartone animato giapponese con i suoi cori quasi bambineschi e i suoni distorti. La vera sorpresa è A Train wreck, un azzeccato singolo che parte da un coro lento, malinconico, quasi religioso per esplodere in urla punk e convulse, mantenendo un ritmo quasi ossessivo, caratteristiche presenti anche in Jim Henson’s creature workshop, che a differenza del brano precedente non concede un attimo di respiro. Il resto dell’album è un bell’insieme di pop - rock incisivo e decisamente british come "Cut Loose”, Ghosts of Black Hole, Tentacles. La chiusura è affidata a Dawn of the Golden Oriole, scelta che ho apprezzato tantissimo perché solo un pezzo così dolcemente onirico e strumentale, arricchito esclusivamente da cori femminili poteva chiudere il tutto.
Chapeau.
Bearsuit

Aggiunto: May 28th 2011
Recensore:
Rachele Paganelli
Voto:
Link Correlati: Fortuna Pop Records Home Page
Hits: 760
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest