Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


AA.VV. 'Music From Stanford Vol.4'

(Innova 2010)

Quarto volume, per la serie dedicata ai giovani compositori, fuoriusciti da Stanford.
Come da taglio rigoroso di casa Innova, “Music From Stanford”, si muove lungo coordinate moderniste, di assoluto valore (in questo caso, il tempo dirà la sua, ma le premesse, paion più che buone).
Benedetti e co-prodotti, da Mark Applebaum, Brian Ferneyhoug, Jaroslaw Kapuscinski e Christopher Jones, i sei giovani autori prescelti, ce la mettono tutta, per non deludere le attese.
A loro disposizione, solisti ed ensemble, altamente duttili ed attenti, nel trasporre live, le composizioni presentate.
Alexander Sigman, Sebastian Semper, Juan Cristóbal Cerrillo, Mauricio Rodríguez, Patricia Elizabeth Martínez e Kristian Ireland, son quelli su di cui si focalizza l'attenzione.
Ad eseguir le loro opere: Elliot Gattegno, l'Ensemble SurPlus, SoundGEAR ed il The Formalist Quartet.
Umori e colori diversi, ciò nonostante, un'unica e singolare tensione espressiva.
Dal solo riduzionista della composizione di Sigman, alle digressioni colto/cameristiche di Semper (con ottima padronanza della fase tensione/rilascio, leggere nevrosi dissonanti di fondo), dal suggestivo, inquieto, fuori fuoco di Cerrillo, alle sequenze armoniche ad intermittenza di Rodríguez, dal sensualissimo movimento della Martínez, all'amplificazione di un solo di violino, che progressivamente muta struttura, di Ireland.
Brillanti creature in precario equilibrio, superlativamente esposte.
Un'orgia elegante e curiosa, di sax, flauti, oboe, percussioni, violini, violoncelli, clarinetti, tromboni, viole, double bass, pianoforti e conduttori.
Uniforme il messaggio: tutto bene dalle parti di Stanford.

Aggiunto: February 10th 2011
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Innova Recordings Home Page
Hits: 751
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest