Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hugo Race & The Fatalists ‘Hugo Race & The Fatalists’

(Interbang Records 2010)

Il 2010 č stato un anno prolifico per l’ex Bad Seeds, nonostante la brutta polmonite che lo ha colpito. Alcuni mesi fa ha pubblicato l'acclamato "BKO" con i Dirtmusic e adesso questo nuovo intrigante progetto.
Sempre lontano dagli schemi convenzionali in queste nove tracce l’artista australiano, coadiuvato da una band internazionale e di tutto rispetto, nella quale sono presenti: il chitarrista Antonio Gramentieri ed il percussionista Diego Sapignoli dei Sacri Cuori, la violoncellista americana Vicky Brown, (collaboratrice dei Calexico) e il bassista olandese Erik Van Loo ( Willard Grant Conspiracy), riesce a colpire l’ascoltatore con folk-blues umbratile ed imploso, che si avvicina molto alle suggestioni che riescono a creare Mark Lanegan e Leonard Cohen.

I testi di questo disco, infatti, trattano tematiche inerenti la morte, dato che il disco č stato registrato in una vecchia villa di campagna in Italia, in un periodo in cui Race era affetto da una fastidiosa polmonite che lo ha costretto a seguire il lavoro di post-produzione dal divano a causa della febbre. La presenza di artisti provenienti da gruppi come Calexico e Willard Grant Conspiracy non č casuale, dato che in quasi tutti i brani si respira un’aria simile ai dischi di questi due gruppi.
Evidentemente Race voleva proprio ricreare determinate atmosfere plumbee ed evocative, riuscendoci molto efficacemente.

Aggiunto: December 22nd 2010
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Interbang Record Home Page
Hits: 729
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest