Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lawrence Siegel ‘Kaddish’

(Navona Records 2010)

Se l’Olocausto è diventato un “genere cinematografico”, è altrettanto vero che esso è diventato anche un genere musicale. Ciò non comporta, in ambo i casi, una svalutazione della portata drammatica del terribile evento, come spesso è stato polemicamente osservato. Prova ne è questo intenso lavoro di Lawrence Siegel, intitolato Kaddish, di cui egli è compositore e librettista. Kaddish ripercorre le tristi vicende dell’Olocausto, ricostruendo anche le fasi che l’hanno preceduto e quelle che l’hanno seguito, disegnando così tre pannelli distinti alla maniera del Reich di Different Trains. Siegel ha l’abilità di invitarci a entrare in questa storia così drammatica in virtù di una innegabile maestria compositiva, che si nutre di fonti disparate, in prevalenza tratte dal repertorio popolare ebraico, sia esso reale o reinventato dallo stesso Siegel; e che affida il testo a voci che cantano in maniera naturale e quindi più efficacemente realistica. Il risultato è un’opera che avvicenda sapientemente momenti timidamente speranzosi ad altri intrisi di inquietudine, dubbio, tensione, smarrimento; il tutto con una certa voluta naivetè, che accentua l’immediatezza del messaggio comunicato. L’Olocausto ha riguardato in concreto il popolo ebraico, ma riguarda tutti noi come esseri umani; e la musica, con la sua universalità, è in grado di ricordarcelo, così come è in grado di infondere speranza − la stessa speranza che il coro finale infonde intonando il verso “ I am here”: sono qui, nonostante tutte le avversità.

Aggiunto: December 28th 2010
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Navona Records Home Page
Hits: 753
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest