Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Green Arrows 'The Earth'

(Soul Craft Records/Vacation House Records 2009)

I Green Arrows lasciano abbastanza perplessi, non c'è dubbio. Sì, perché da un lato di band che mescolano e fondono stili ne ascoltiamo tutti i giorni, ma dall'altro lato, per loro sarebbe più giusto usare termini come 'cozzare con tutta la tecnica di uno scontro frontale tra due tir a duecento all'ora'.
Come faccio a dimostrare questo postulato? Vediamo, i nostri amici delle frecce verdi sono molto incavolati. E questo ci tengono a farcelo sapere in ogni testo impegnato, nei pezzi in inglese discretamente incomprensibili e nel forzatissimo cantato in italiano simil-rap che va a stendersi sui brani, appunto, con la stessa grazia classica della moglie cicciona sul marito mingherlino.
A fronte di pezzi che schiantano insieme hardcore e nu-metal come l'iniziale G@ v.2.0, che potrebbero rivelarsi un esperimento intrigante se realizzato con più cura, ci sono tracce puramente aggressive simil-Soulfly come Slave of Today o God's Mistake, dove non si capisce se la band sia caduta in un pentolone di minestra visto che i livelli del mix vanno a mignotte; il risultato è un discreto amaro in bocca. E neanche di particolare qualità.
Purtroppo da lì in poi l'album segue una definitiva impronta nu metal/crossover con dei riff di chitarra che spesso sfociano in singole note dissonanti e si fa davvero fatica a prestare attenzione, subentra la noia e una certa voglia di cercare qualche altro momento promettente come l'iniziale.
In Kazakhstan addirittura si cominciano a sentire echi dei System of a Down, e il dubbio allora diventa certezza, forse l'anarchia musicale delle nostre frecce verdi non ha molto giovato e ci sarebbe bisogno di un po' più di guida e di una personalità ben definita.
Insomma, più lavoro e più attenzione e i Green Arrows potrebbero tornare sulle nostre pagine con un bel prodotto.

Aggiunto: July 26th 2010
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Green Arrows My Space Page
Hits: 576
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest