Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hurts ˈHappinessˈ

(Major Label/Sony Music 2010 )

Ludicrous on the heroic scale, yes, but love them or hate them, you cannot deny they’ve got the tunes. (nme.com)


Dopo Wonderful Life abilmente remixata da Arthur Baker che un po’ ci ricorda i primi Talk Talk, la band inglese di Manchester lancia l’attesissimo lp ˈHappinessˈ. Già nel luglio 2009, il duo composto dal cantante Theo Hutchcraft e da Adam Anderson al synth fu nominato Band of the Day su Guardian.co.uk, finendo successivamente quarto nel BBC Sound of 2010 poll.
In realtà grazie a Wonderful Life e all’altro singolo, Better Than Love, gli Hurts arrivano a farsi conoscere ben oltre i confini del circuito indie. I generi che compongono il loro disco sono infatti molteplici. Si passa dal synthpop, all’electropop fino alla new wave dove il collante è rappresentato da questo suono elettronico (anche un po’ glamour) anni ’80 e dalla sensuale voce di Hutchcraft di cui l’iniziale Silver lining ne è da subito un esempio: tastiere “dark”, synth pulito, voce calda e intima. Le altre canzoni poi sono una sorta di omaggio ai maggiori gruppi del genere; ascoltando Blood, Tears & Gold il richiamo potrebbe essere quello ai Tears For Fears e per Sunday ai Pet Shop Boys sia per una scelta musicale che di immagine. In realtà lo stesso ˈHappinessˈ non è una novità musicale. ˈHappinessˈ è un disco synthpop. La vera novità sta nel riproporre sonorità così lontane da quelle a cui siamo ora abituati. E sicuramente ben fatte.
Due le chicche proposte: una è Devotion, che vede impreziosire la voce di Hutchcraft dalla divina Kylie Minongue e la seconda, la traccia nascosta, Verona, omaggio lirico che Hutchcraftn rende all’Italia. Anche qui verrebbe da chiedersi se gli Hurts vogliano diventare i nuovi Pet Shop Boys! Non proprio, ma ascoltando ˈHappinessˈ, la prima cosa che ci viene da dire è che questo disco avrebbe surclassato molti altri affini negli anni ’80. E molti altri contemporanei.


Tracce:
1. Silver lining
2. Wonderful Life
3. Blood, Tears & Gold
4. Sunday
5. Stay
6. Illuminated
7.Evelin
8. Better Than Love
9. Devotion (con KylieMinongue)
10. Unspoken
11. The Water
Hidden Track: Verona

Aggiunto: September 30th 2010
Recensore: Federica -La Roux- P
Voto:
Link Correlati: Hurts Home Page
Hits: 561
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest