Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Analena 'Inconstantinopolis'

(Moonlee Records 2009)

Ritornano sulle lussuriose e lussureggianti pagine web di Kathodik i croati Analena, che avevamo già ascoltato con il piacevole 'Carbon Based'. Anche questa volta i riferimenti musicali per la band sono naturalmente i mai dimenticati At the Drive-in e i lati più abrasivi dei Pretty Girls Make Graves. In questa sede invece aggiungo che a tratti i vocalizzi urlati tutti insieme appassionatamente mi hanno ricordato alcuni vecchi pezzi degli Hot Water Music...
La voce di Ana è sempre pronta ad addolcirsi e a finire in delle rauche urla quando ne sente il bisogno (piuttosto spesso in Comic Relief); rispetto a 'Carbon Based', la band è più posata e le canzoni chiaramente più studiate. Nonostante ciò l'etica degli Analena rimane immutata, tant'è che l'album è stato quasi interamente registrato live, senza ausilio di alcun tipo di computer, DYI a tutto tondo, anche sotto il profilo distributivo e produttivo. Pollici in alto alla grande.
Per il resto, avendo già sottolineato la maturità del gruppo nella precedente recensione, posso solo che confermare la bontà di quanto ascoltato e i progressi fatti in 'Incostantinopolis', soprattutto musicalmente. Testi sempre ben scritti e pungenti, non mi aspettavo nient'altro, confermano gli Analena gruppo da seguire con attenzione e meritevole di ripetuti ascolti, nonostante la costruzione dei pezzi apparentemente semplice (come l'ottima title track) e al di là di qualche momento un po' noioso (Life in exclamation marks).
Insomma, in un mondo di canzonette fabbricate e di mediocrità ostentate come scudetti, la band croata si conferma un quartetto di persone intente a realizzare qualcosa di speciale, esclusivamente con le proprie mani, seguendo un'etica di lavoro assolutamente ammirabile. Bravi bravi.

Aggiunto: July 26th 2010
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Monlee Records Home Page
Hits: 623
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest