Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kongrosian 'Bootstrap Paradox'

(Aut! Records 2010)

Cartone spesso, bianco/nero e senso d'urgenza.
Dentro, storie grandi e piccine, percorsi collettivi, traiettorie individuali, parole ed il loro senso (anche nell'assenza...), sudore, dedizione, a dormir tardi ed alzarsi sempre troppo presto.
Questioni ordinarie, di normale resistenza/rinascimento.
La ferocia dell'esserci e del fare.
Continuo movimento.
Azione.
Kongrosian, son gruppo di soli fiati, attivo dal 2006.
Jazz, senz'altro, sghembo, squittente e traverso (poteva essere altrimenti?).
Che flirta con inflessioni cameristiche, accenti afroamericani, si perde e si ritrova.
Ma non abbandona mai, il puzzo tipico, benedetto e caratteristico, di chi, quel che produce, lo vive in fiero antagonismo.
L'arte dello scavo, la ricerca, ed il sudore correlato.
Kongrosian, è azione/opera politica spontanea.
Ecco allora naturale, il disgusto che sorge, alla vista e all'ascolto, del jazz pastorizzato da quotidiano, da auditorium patinato e parruccone.
"Bootstrap Paradox", è l'ennesima conferma, che la vita, oltre la spessa coltre di merda, che galleggia in superficie, continua, e possiede, una fottuta voglia di veder le stelle.
Alberto Collodel (clarinetto basso), Davide Lorenzon (sax alto e tenore), Alessio Faraon (tromba), Ivan Pilat (sax, tromba e voce), lo special guest, Oreste Sabadin (clarinetto), son gli artefici di quest'ottimo lavoro.
Un trio di base, Collodel, Lorenzon e Pilat, che diventa quartetto, quintetto, scavando ed indagando criticamente, in studio e dal vivo, fra le pieghe del proprio suono.
Ed il qui, ed ora, ruspante e diretto, proposto in quest'occasione, diventa irrinunciabile.
Santi, o matti, che bussan alle porte del paradiso, senza ottener risposta.
Siam in Italia, più matti, verrebbe da dire.
Seguirne le gesta, è un dovere morale.
Una sinfonia di cervelli in subbuglio.
Altroché, questa, è musica popolare.
Un disco della Madonna (più chiaro in questo modo?).

Aggiunto: August 10th 2010
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Aut Records My Space Page
Hits: 760
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest