Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


DHOS 'Die Hard Outlaw Society'

(Uk Division Records/Alkemist Fanatix Europe/Andromeda Distribuzioni 2009)

Non è facile capire cosa aspettarsi dai Die Hard Outlaw Society, la copertina con tanto di fibbia con asso di picche e bicchiere di whisky, sembra richiamare un rock'n'roll polveroso o, addirittura, qualcosa di più pesante? In realtà la risposta esatta in medium stat, i DHOS cavalcano le deserte strade americane venendo giù la Route 66 a velocità media, cambiando continuamente corsia e chiaramente sotto effetto di leggeri allucinogeni. Peccato poi che tutto ciò non si traduca in qualcosa di particolarmente interessante per le nostre orecchie!
Sin dall'inizio non esattamente promettente di Soul in Black, i nostri tentano di mettere su un sound che sia davvero personale, cosa più evidente nella stravagante Butterfly che unisce country, hard rock e una vaga tendenza malata industrial similMinistry che finirà per permeare tutto l'album.
Nel corso dei sei pezzi, più due strumentali piuttosto inutili, però i DHOS non riescono pienamente a convincere della bontà del loro operato. Non sembrano proprio volersi azzardare a svisate eccessive e i pezzi risentono di una certa banalità di soluzioni (per esempio il ritornello di D.dance) che invece sembravano nate apposta per splendere di originalità.
Il tentativo è comunque apprezzabile, pur nella sua incompletezza, i nostri sono dei discreti musicisti e la tecnica aiuta a tenere su l'album, almeno per farsi ascoltare. Per quanto riguarda il resto, sarà il caso di rimboccarsi le maniche.

Aggiunto: June 16th 2010
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Alkemist Fanatix Europe Home Page
Hits: 613
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest