Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Guignol ‘Una Risata Ci Seppellirà’

(CasaMedusa/AtelierSonique/Tomato/CNI 2010)

Il malaffare della “cricca”, un «Re degli unti» che «protegge e salva i nostri conti» e veglia su di noi dagli schermi televisivi, minacce di un «nuovo ordine» in cui l’intolleranza è spacciata per sicurezza. Ma anche l’indifferenza dell’ “uomo della strada”, i drammi di un “borghese piccolo piccolo”, le baby gang, la solitudine e l’alienazione di chi è sfruttato da un mercato del lavoro iniquo e non osa (o non può) ribellarsi. Non risparmiano nessuno i Guignol. Al terzo album, la band di Pierfrancesco Adduce punta di nuovo sulle armi della satira e della parodia per affrontare temi di dolorosa e scottante attualità. Ma la sua ironia è di quelle che lasciano un retrogusto amaro e che spingono alla riflessione. Anche musicalmente, il quintetto - di cui fanno parte, oltre ad Adduce, Fabio Gallarati (chitarre elettriche, rumori), Giulio Sagone (basso), Alberto De Marinis (organo, synth, farfisa) e Stefano Caldonazzo (batteria, percussioni, rumori) - non si discosta dal sound dei precedenti lavori: un mix di garage-pop (in passaggi come Cristo è Annegato Nel Po riecheggiano gli Arctic Monkeys), funky (Il Sonno Ritrovato) e blues (Dall’Altra Parte, più ruvida, e 12 Marmocchi, la cui atmosfera notturna e l’impianto percussivo fanno pensare a Tom Waits).
Intenzioni buone, dunque; meno i risultati. Il disco suona prevedibile, scontato, non riesce a regalare neppure un brano memorabile. Solo L’incendiario, con la sua lunga coda indie/noise, fornisce qualche motivo d’interesse. Ma questo non basta a redimere il disco dalla sua piattezza.

Aggiunto: July 23rd 2010
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Guignol Home Page
Hits: 775
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest