Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Divine Lust - The Bitterest Flavours

(Dead Sun Records/Alkemist Fanatix Europe/Hurricane Entertainment 2008)

Ormai è diventata tradizione per le band goth/doom di vecchia scuola, arricchire il proprio sound con influenze di vario tipo e stampo, onde variare e ringiovanire le canzoni e, perché no, il pubblico. In realtà poi la cosa è sfociata in una rabbiosa controtendenza per alcuni, ma sostanzialmente i portoghesi Divine Lust non abbandonano l'idea e continuano qui con uno stile definibile a metà tra My Dying Bride e Redemption senza troppi tecnicismi.
Il risultato è sicuramente apprezzabile, il lavoro di un gruppo dal buon talento che ha buttato giù diversi pezzi interessanti, a partire da Good By Love e l'ottima iniziale A Long Way Down, anche i momenti puramente strumentali sono oltremodo curati (vedere per esempio Last Will Left).
La produzione non è proprio impeccabile, ma svolge bene il proprio lavoro e riesce comunque a farli ben risaltare. Curato altresì il packaging e la grafica del tutto, di ottima fattura. Quello che bisogna sottolineare è che l'eccessiva durata di alcuni pezzi (vedi i tredici minuti di Duskful of Bliss, Morningful of Misery) e a volte delle tastiere un po' esagerate potrebbero risultare pesanti per l'ascoltatore. In quei casi non rimane che perseverare e magari leggersi i testi, anche se non sono proprio tra i migliori del genere; sicuramente la band avrebbe giovato da una maggiore presenza di violini e voci femminili, invece spesso relegati a mero sottofondo.
In ogni caso, gli avidi fan del genere non troveranno niente di cui esaltarsi, ma in ogni caso 'The Bitterest Flavours' rimane un ascolto più che godibile.

Aggiunto: May 13th 2010
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Alkemist Fanatix Europe Home Page
Hits: 553
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest