Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


DiD 'Kumar Solarium'

(Foolica Records/Halidon 2009)

Arriva l'album di debutto dei torinesi DiD, dopo un EP piuttosto apprezzato per la Kirsten's Postcard; undici brani che ripercorrono in parte anche un percorso del passato (difatti quattro dei brani li avevamo giā ascoltati in precedenza).
I nostri non mutano direzione, proponendo di nuovo il loro phunk, tra gli sporchi pavimenti danzerecci new yorkesi a lā The Rapture e taglienti riff angolari postpunkettosi Gang of Four / Public Image Limited; insomma qualcosa di giā esplorato talmente tanto nello scorso decennio da non lasciare poi molto spazio per delle nuove proposte. Su questo bisogna dire che i DiD hanno imparato la lezione e preferiscono invece lavorare ai fianchi, riuscendo nell'intento di non annoiare, pur non andando molto al di lā del classico.
L'iniziale Hello Hello con la sua ritmica semi-afro e il suo incessante andare simil-techno č un buon esempio, cosė come la trascinante Another Pusher Blues, molto efficace pur nella sua brevitā. Da non dimenticare ovviamente anche il loro classico Ask U2, che con dei buoni synth e orecchiabili riff di chitarra, funziona davvero bene. I nostri non sporcano o giungono a estremi come i !!!, si mantengono su un discreto danzereccio piacevole e ben prodotto.
Solo in qualche momento meno riuscito subentra un po' di noia, come in Sex Sometimes o in Back from the Outside che nonostante una buona partenza, poi non riesce a mantenere l'interesse.
Un buon debutto per il gruppo torinese, suonato in maniera solida e piacevole da ascoltare, in un genere dove non č affatto facile lasciare la propria impronta.

Aggiunto: June 16th 2010
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Foolica Records Home Page
Hits: 637
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest