Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Ennecibbì ‘Il Giorno Verrà’

(Anfibio Records 2009)

Una scarica di punk-hardcore melodico che guarda tanto al passato (Motorhead) quanto al presente (il sound californiano): non offrono di più gli Ennecibbì. Gargiulo (voce), Mongia (chitarra), Cicca (basso), Skizzo (batteria) hanno confezionato undici energici anthem in cui le parole d’ordine sono le solite: rabbia e rivolta. Contro il sistema carcerario (L’Angelo), gli hippy (Blood For the Hippies, con il testo che recita: «vivi la vita lascivamente / il tuo pacifismo non mi serve a niente»), la «borghese infamità» (Storia Triste), il “sistema”, fatto di «padroni e servi ammaestrati» (Il Giorno Verrà, in cui si annuncia che da «fiamme e oscurità [...] nascerà la nuova fenice e la sua civiltà») e contro il quale l’unico rimedio sono «i fucili in braccio», perché «pè da’ na svolta al mondo c’è bisogno dell’azione» (Impazziamo). L’importante, comunque, è resistere («tieni duro e tieni alta la testa / mangia il cuore di chi ti dice basta» ruggisce Gargiulo in Guarda il Sole) e continuare sempre per la propria strada, senza arrendersi a questa vita (Strada).
Non mancano, però, episodi più inconsueti: una specie di “inno al malto” (La Mia Birra, «bona sopra ogni cosa»), una dichiarazione d’amore per la città natale (Roma) e persino uno stornello romano come ghost-track.
Nel complesso, comunque, siamo di fronte ad un disco scontato e banalotto, in cui la genuina “rabbia contro la macchina” del quartetto annega in una retorica insopportabile e non è redenta neppure da qualche guizzo delle partiture, tutte assai prevedibili sotto il profilo melodico e strutturale.

Aggiunto: May 29th 2010
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Anfibio Records Home Page
Hits: 621
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest