Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Margareth ‘White Lines’

(Macaco Records 2010)

Chi l’avrebbe immaginato che Venezia e Londra fossero così vicine? Perché è proprio questa l’impressione che viene ascoltando l’album d’esordio dei Margareth. Il quartetto, dopo un paio di demo autoprodotti (“Margareth” del 2006 e “Out Of The City” del 2007) ed il ritorno all’ovile di Niccolò Romanin (batteria e percussioni), tra i fondatori della band assieme a Paolo Brusò (voce e chitarra), Alessandro Fabbro (piano, tromba e didjeridoo) e Alessandro Benvegnù (basso), ha pubblicato un primo album, questo “White Lines”, nelle cui tracce è piuttosto evidente l’influenza dei Beatles e dell’odierno brit-pop. Ma i nostri non si sono accontentati, impregnando il loro sound di influenze che spaziano dal folk alla psichedelia, passando per l’alt-country dalle atmosfere western dei Calexico.
Brani come I Get Along, in cui è piuttosto evidente l’influenza dei Fab Four, Mad Man’s Poem, la lenta ed ipnotica Horizon, la desolata e notturna Night Talker, la (splendida) ballad esistenzialista Home Sweet Home, This Town e l’ambiziosa The Gate, impreziosita da una chiusura strumentale di stampo psichedelico affidata al dialogo tra piano, tromba e chitarra elettrica, rivelano un approccio piuttosto delicato ed intimista alla composizione ed un notevole senso della melodia, che si accompagna a testi decisamente interessanti.
Le uniche note dolenti sono una produzione un po’ piatta e soprattutto degli arrangiamenti poco vari e assai prevedibili. Con un pizzico di coraggio in più, “White Lines” sarebbe stato un ottimo disco. Così, invece, è solo un lavoro sufficiente.

Aggiunto: May 10th 2010
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Margareth Home Page
Hits: 523
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest