Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dorothy Cash 'Io Odio Moreno'

(Ca$h Records 2002)

Avvertenza: questa recensione si autoterminerà nell’esatto momento in cui comparirà l’astruso (quanto trendy) neologismo anglosassone coniato a bella posta per riuscire a etichettare l’inetichettabile in fatto di elettronica citazionista. Maledetta mania di ‘capirsi’ usando scale di misura infallibili… come se nella vita non si usassero frasi tipo: “fermati presssapoco lì” ma comunicassimo tutti dicendo “posizionati a 2,7 metri da me”. Bah…
Riflessioni linguistiche a parte, Lorenzo Sportiello e Dafni Scotese e il loro 5 tracks EP + video “Io Odio Moreno” fanno di tutto per rientrarci in quella definizione. Se lo fanno da sornioni destabilizzatori interni o da pedissequi surfisti delle cool sensations da club culture è ancora da decidere. Segnalo un po’ di fatti puri e semplici: nel sound dei Dorothy Cash c’è fortunatamente qualcosa di più delle pure e semplici ripetizioni di clichè electropop, c’è un’insana (e proprio per questo salutare) giocosità che li porta a mischiare pop rock e IDM in brani come Non Mi Preoccupo (come sparare nel futuro Alberto Camerini, vero e indimenticato genio del postmodernariato musicale italico), ci sono techno-devazioni Russ Meyeriane di fraseggi alla Gronge come in Riflessione N.3, ci sono riflessioni sociologiche da generazione videogame mischiate ad accenni di mitragliate 808 State-style come in Cassa #17 (e se sono davvero parte di quella scena, sarà davvero inquietante l’effetto cerebrale post-ecstasy dei loro testi al party di turno).
C’è insomma una giusta dose di: stroboscopica cultura pop destrutturata, scintillanti luci di pazzia elettronica stile Patrick Bateman in plexiglas, gradevole wave sound retro-futurista, disincanto collagista nelle lyrics, immaginario softcore tra pin ups girls e bollicine di champagne.
La miscela risulta tutto sommato convincente anche se, nel vortice cosmico e tempista delle proposte International Deejay Gigolo o delle autoctone Plasmek e Nature portato alla luce ultimamente, un simile prodotto finisce per risultare forse carente quanto a reale eversività e devianza (ma il fatto di lasciarci nel dubbio va indiscutibilmente a loro merito, non sono le situazioni ansiogene inferte all’establishment quelle più pericolose?). Senza contare poi che la conclusiva Failure chiude il cerchio con basso pulsante eighties e mini-rivisitazioni di riferimenti new wave dai Depeche Mode agli Human League più martellanti, coronando in qualche modo i sogni di tutti coloro che vorrebbero questo prodotto perfettamente etichettato come Electrocl
Autoterminazione completata.

Aggiunto: November 30th 2002
Recensore: Mauro Carassai
Voto:
Link Correlati: Dorothy Cash Page
Hits: 1711
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest