Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hannah Marshall _ Nicola Guazzaloca _ Gianni Mimmo _ Leila Adu 'The Shoreditch Concert'

(Amirani Records 2010)

“The Shoreditch Concert” ci consegna su supporto la registrazione dell’incontro creativo avuto tra Gianni Mimmo (sax soprano), Nicola Guazzaloca (piano), Hannah Marshall (violoncello) e Leila Adu (voce) presso la londinese St. Leonard’s Church durante il ’09. La performance si muove per gradi seguendo un fare prudente e oculato, archiviando nella sibilante opener How D the D is solo le gesta di violoncello e pianoforte, pronti ad incrociarsi attraverso un singhiozzante gioco di tempi e di timbri, dove l’alternarsi fra tonfi nel silenzio e acuti recuperi del volume contribuisce alla genesi di un climax lealmente contemporaneo. Insegue Act on Your Speech, schiusa al primo colpo dalle raffinate e complesse serpentine di Mimmo al soprano, orientate parimenti da un carattere austero (qui a tratti quasi nordico sulla scia di un Garbarek) e dai consueti tocchi lacyani, trademark sonoro fisso nel suono ricercato dal patron Amirani; di seguito anche i vocalizzi, magri e aerei, sciorinati dalla Adu producono un buon carico emotivo nell’ascolto di questa improvvisazione. Uno spazio hard-boiled si fa strada su Tensive/Pensive, elevata grazie al funambolismo tipico di Guazzaloca quando diventa tutt’uno con la tastiera: una forma d’incitamento a caldo alfine di spingere il sax in balenanti giochi di dissonanza. Un’onda cacofonica, di perpetui sali e scendi prosegue con superbia per tutta la vita di The Bending Attitude dove il pensiero ancora una volta ricorre in un baleno a Lacy, qui più estremo del solito e dispostissimo a lasciarsi inviluppare da scintillii tayloriani al piano. In Where Lies The Final Harbor, Whence we Unmoor no More?, il quartetto ci riporta nei territori madidi di contemporaneità degustati in partenza, e sigillando così una (importante) parentesi d’improvvisazione europea eretta principalmente grazie a una miscela oculata di ragione e sentimento.

Aggiunto: June 16th 2010
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Amirani Records Home Page
Hits: 882
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest