Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Fucksia ‘Photophobie’

(Muertepop 2009)

Chissà come la prenderebbe Luca Marino aka Fucksia se qualcuno lo scambiasse per l’omonimo ragazzo intravisto quest’anno sul palco di Sanremo Giovani. L’elettronica in bilico tra nenie soft e divagazioni industriali sono lontane anni luce tanto dalla musica del probabilmente più famoso omonimo quanto dalla proposta musicale della sua band, gli El Ghor. Sì, perché Marino è anche chitarrista del gruppo indie-rock napoletano, giunto ad una discreta fama nell’underground e con già all’attivo 2 album.
Con questo “Photophobie” il 26enne di Scafati svela un lato di sé sconosciuto musicalmente ai più, che forse resta schiacciato e fatica ad emergere all’interno della band. Siamo in territorio battuti da Notwist, Mùm ed affini, ma con un minor legame alla forma canzone tradizionale che imprime una forma più liquida all’intero lavoro. Un disco che non supera i 30 minuti e che scivola via tra tensioni e languori lasciando una scia quasi di magia.
La musica tutta synth e laptop esce dal bozzolo con That’s Christmas, tra orchestrazioni ariose e tastiere sibilline come piacerebbe forse al collettivo Broken Social Scene dei bei tempi andati. HaB inizia tra singulti stridenti quasi industrial per poi snodarsi su ritmiche più spinte. Con Multnomah torniamo nell’immaginario sibillino dell’estremo nord, come se i Sigur Ros avessero scoperto seppellita sotto la neve la drum machine dei fratelli Acher. JM Factory è pop elettronico cui manca la voce per esprimersi prima di attraversare una folta foresta di depressione industriale. Glisan inaugura la seconda parte del lavoro, quella più dimessa e carezzevole, anche se i soliti angoli oscuri non mancano. Rien è puro languore sintetico che convoglia la sua carica nel passo lento della conclusiva Nope, dolce marcia notturna animata di insetti e fate luminescenti.
L’autodidatta della musica sintetica Luca Marino ci regala un gioiellino dal sapore teneramente nordico, che non si direbbe provenire dal Salernitano. Ma la vulcanica scena musicale campana è anche questo. Alla faccia dei neomelodici.

Aggiunto: June 16th 2010
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Fucksia Myspace Page
Hits: 622
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest