Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Brain In Vain ‘Inner Crowd’

(Monster Records 2009)

I Bran In Vain sono un duo bolognese dedita ad una new wave intellettuale e nevrotica con innesti post-rock. In questo “Inner Crowd” il risultato si traduce in una manciata di brani fatti di ritmiche dispari, cambi di tempo e riff sghembi e saltellanti. I principali riferimenti musicali per Stefano Passini (batteria e voce) e Branco (chitarra) sembrano essere Talking Heads e Franz Ferdinand, come dimostrano le funkeggianti Little Annoying Brain e Optimism, ma non mancano passaggi più cupi e inquietanti (Black Sand) che fanno pensare addirittura ai mantra funerei dei Joy Division.
Tra le altre tracce, segnaliamo l’opener Superimposition, Hat Back (entrambe contraddistinte da fluidi cambi di tempo e chitarre isteriche) e la strumentale Gary Oldman Army. I testi, recitati in un registro che trasuda uno snobistico distacco che ricorda quello di David Byrne, aggiungono un ulteriore fascino al disco.

Aggiunto: April 29th 2010
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Brain In Vain MySpace Page
Hits: 875
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest