Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bodyhammer ‘The Origins Of Bodyhammer’

(Improvvisatore Involontario 2009)

Con quest’episodio si conclude la ‘Trilogia Nera’ di Improvvisatore Involontario. Dopo questa stazione il viaggio del collettivo proseguirà con itinerari sempre nuovi. Bodyhammer è un trio che vede all’opera Emiliano Cinquerrui e Carlo Natoli all’elettronica e Francesco Cusa alla batteria. L’originalità della formazione, davvero insolita, conferma la regola dell’imprevedibilità del collettivo II, capace di produzioni estremamente diverse tra loro eppure legate da un filo conduttore comune: l’uso dell’elettronica, non meccanica e ciclica ma fattasi elemento ‘umano’, si unisce in questo caso al drumming ‘fisico’ creando atmosfere sinistre ed ambienti sonori rischiosi, tortuosi ed impervi, che riescono nella missione quasi impossibile di mettere d’accordo gli estimatori dell’improvvisazione strumentale ‘tradizionale’ con i sempre più numerosi esponenti del popolo del cosiddetto ‘impro-noise’ dalla forte accezione sintetico-elettronica. Fortemente evocativo e rumoristico, con scansioni ritmiche a tratti più regolari, il disco non vuole assolutamente essere un “prodotto facile”. Giammai. L’intenzione del trio non è quella di legarsi all’improvvisazione elettronica furbetta e stereotipata. Ogni uscita di II ci appare come il risultato di un processo di ricerca, e Bodyhammer non tradisce le attese. È difficile descrivere a parole quello che questi suoni evocano: l’ideale è tuffarsi a capofitto nei gorghi degli otto brani dell’album, Jeyo’s, Heavymetal, Broken Bitz, Lux@inferi.um, The Almighty Piano, The Almighty Pianist, Los Ferdinand Angeles, Resident Lively. È un’esperienza sonora devastante, cerebrale e fisica come suggeriscono le forti immagini di copertina. Ancora un colpo andato a segno, gente. L’Improvvisatore Involontario c’è, e la sua corsa è ormai lanciata. Provate a prenderlo se vi riesce, vi consigliamo di provarci.

Aggiunto: June 6th 2010
Recensore: Paolo Cruciani
Voto:
Link Correlati: Improvvisatore Involontario Records Home Page
Hits: 800
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest