Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


War Duo ‘La Commissione d’Ascolto’

(Improvvisatore Involontario 2009)

Eccoci al secondo capitolo del nuovo corso di Improvvisatore Involontario (d’ora in poi II), il secondo elemento della famigerata ‘Trilogia Nera’. Francesco Cusa alla batteria e Marcello Di Lorenzo, radunatisi sotto l’insegna di ‘War Duo’ licenziano questo disco che, coerentemente al manifesto del collettivo-etichetta, dipana ulteriormente il filo del discorso di II aggiungendo continuamente suggestioni senza mai auto-replicarsi. Qui, cari signori, c’è fame di suoni, di novità, qui non si fa ‘giezz’, si fa Musica, si crea davvero qualcosa degno di essere definito tale. L’immaginifico drumming di Francesco Cusa in questo particolare progetto si unisce all’imprevedibile pianismo di Marcello Di Lorenzo: il risultato è un disco davvero bello e non etichettabile, dove il confine tra jazz e sonorità classicheggianti è quanto mai labile, sospeso in mirabili equilibri tra tradizione ed innovazione, tra linguaggi europei ed idiomi d’oltreoceano. Il duo, straordinariamente coeso, è infatti capace di svariare con disarmante disinvoltura dalla leggiadria di Prologo all’azione percussiva di Fun 1-2-3, passando per temi di elegiaca bellezza (Monovano vista mare), sapide frecciate ironiche (Giuvanni? Allèviti!), cangiantismi blues su strutture granitiche (la bellissima Blues for U. G.), dissonanti omaggi alla tradizione musicale europea (la breve e devastante Liszt), fino a Puglisi, una sorta di movimento di forma-sonata pieno di sorprendenti cromatismi; il disco si conclude con due brevi episodi, la minimalista e violenta Aristocrazia bruciata ed Epilogo che dolcemente chiude il saggio riportando l’ascoltatore all’inizio del percorso. Il cerchio apparentemente si chiude, ma è solo un’illusione, perché II è solo alle schermaglie iniziali. Qui non si chiude mai, perdiana.

Aggiunto: June 6th 2010
Recensore: Paolo Cruciani
Voto:
Link Correlati: Improvvisatore Involontario Records Home Page
Hits: 1054
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest