Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Act Noir ‘Shape A New Start’

(Eibon Records 2010)

E’ la vita: cerchi di somigliare ai Depeche Mode e finisci con lo scimmiottare gli Him. Del resto, si sa: le buone intenzioni da sole non bastano. Nella musica, in particolare, il talento viene prima di tutto. Prima degli ascolti giusti, prima dello studio e dell’esercizio, prima del contratto discografico, prima delle prime incisioni, prima della promozione. E in questo “Shape A New Start” di talento non se ne vede proprio.
Secondo full-lenght (il primo, “Automatisme Psychiquede” per My Kingdom Music, è del 2006) degli italianissimi Act Noir, formazione nata nel 1998 dall’incontro di Sergio Calzoni (electronics) e Stefano Nieri (chitarra) e sopravvissuta ad alcuni cambi di line up (la formazione attuale comprende Gaetano Notarnicola alla voce, Michele Gozzi al basso e Claudio Pilati alla batteria), “Shape A New Start”, più che un “nuovo inizio”, fa pensare ad una band stanca e priva di idee. Più che electro-rock, questa è banale pop-rock che della dark music sfiora solo la superficie. Le sfumature alt-metal stile A Perfect Circle di Shatterproof Beauty, le ibridazioni tra Ville Valo (spudoratamente imitato, per altro, in Shape A New Start) e Gore/Gahan di Set Fire e 2008, il richiamo a David Sylvian e al suo languido spleen (in effetti, più che un omaggio, un maldestro tentativo d’imitazione da parte di Notaricola, vocalist di scarsa personalità) in Wrong Places e Closed City (in cui compare ancora qualche tentazione alternative, sempre nel solco della band di Maynard James Keenan) dovrebbero evocare quadretti di malinconica decadenza e solitudine metropolitana, ma falliscono clamorosamente. Chi è cresciuto a pane e angoscia (musicale) post ’77 qui non troverà nulla d’interessante. Solo cinquantraquattro e passa minuti di ruffianeria e vuoto d’idee.

Aggiunto: April 7th 2010
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Eibon Records Home Page
Hits: 622
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest