Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Wadada Leo Smith ‘Spiritual Dimension’

(Cuneiform/Ird 2009)

Nuova uscita del compositore Wadada Leo Smith, doppio cd con due stellari formazioni diverse fanno scintille e che mostrano la poliedricità del trombettista. La prima formazione presente nel primo cd, registrato al XIII Vision Festival a New York nel giugno 2008, comprende oltre a Smith alla tromba, Vijay Lyer al piano e al sintetizzatore, John Lindberg al contrabbasso, e ben due musicisti alla batteria: Pheeroan Aklaff e Don Moye. Il quintetto impazza, si estende verso lidi free con Al-Shadhili’s Litany of the Sea: Sunrise, amplia gli orizzonti sonici conosciuti con Pacifica torna alle radici con Umar at the Dome of the Rock, parts 1 & “, compone schizzi di pura astrazione acustica con Crossing Sirat e riemerge nella ricerca di uno spazio metropolitano verso South Central L. A: Culture. Nel secondo cd, registrato al jazz club Firehouse 12, a New Heaven nel Connecticut, nell’aprile del 2009, la formazione comprende oltre a Smith alla tromba ben quattro chitarristi elettrici: Michael Gregory, Brandon Ross, Nels Cline, Lamar Smith; Okkyung Lee al violoncello, Skuli Sverisson al basso elettrico, John Lindberg al basso acustico, e Pheeroan Aklaff alla batteria. Qui il nonetto riprende in una nuova e pulsante versione South Central L. A. Culture, ci fa nuovamente immergere nelle strade e nei vicoli della metropoli pensata dal nostro, ci mostra la sua scrittura sotto forma di omaggio musicale biografico alla grande attivista afroamericana Angela Davis, espande le porte della nostra percezione con Organic e dialoga con il funk psichedelico di Joy: Spiritual Fire: Joy. Non pago di ciò conclude il set e ci riporta sulla terra, pronti ad un altro viaggio.

Aggiunto: April 27th 2010
Recensore: Marco Paolucci
Voto:
Link Correlati: Cuneiform Records Home Page
Hits: 690
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest