Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Ann Millikan ‘Ballad Nocturne’

(Innova 2010)

Negli Stati Uniti esiste un consistente numero di interessanti compositrici, il cui valore tende a scalfire il predominio maschile in questo campo. Tra queste va sicuramente annoverata Ann Millikan. Il presente cd Innova ci fornisce un quadro esaustivo della sua fertilità creativa e della sua versatilità musicale. Di grande impatto evocativo è in particolare il primo brano, che dà anche il nome al cd, ovvero Ballad Nocturne. Si tratta di una ballata per pianoforte e orchestra in cui sonorità jazz (genere che la Millikan ha suonato per anni, e che ama tuttora) dolci, distese e cullanti si sviluppano in un discorso musicale quanto mai fluido, sensuale, quasi liquido, profumato di nostalgia e mistero. Lo definirei un tipico esempio di jazz onirico, etichetta da me coniata e che mi è venuta in mente ascoltando un brano scritto da un altro grande autore: Lions (a Dream) di Ned Rorem, per quartetto jazz e orchestra. Straordinaria, come sempre, la prova di Emanuele Arciuli, pianista italiano che possiede una particolare e provata sensibilità per le qualità ‘spaziali’ della musica americana. Il secondo brano contenuto nel cd è anche il più lungo, e del primo mantiene il carattere onirico, che qui si presenta però assai più frastagliato e tumultuoso, perlomeno in alcuni frangenti. Il terzo e ultimo brano, infine, dopo un inizio oscuro e tenebroso, si apre a atmosfere solari e festose, grazie anche all’utilizzo, scaltro e mai banale, di ritmi sudamericani, che ci trascinano in un gioioso e coinvolgente vortice conclusivo.

Aggiunto: April 19th 2010
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Innova Recordings Home Page
Hits: 1094
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest