Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


McLusky 'Do Dallas'

(Too Pure 2002)

Di tutti i gruppi emersi lo scorso anno dediti a riscoprire la visceralitā del rock and roll e rispolverare le sonoritā grezze del punk, i McLusky sono senz'altro da annoverare tra i migliori. La loro verve si estrinseca appieno in una serie di canzoni che brillano per freschezza ispirativa e per piglio dirompente. Il problema con quest'album č di carattere interpretativo. I McLusky si appropriano infatti in modo sistematico di sonoritā altrui con un virtuosismo tale che talvolta č praticamente impossibile capire se si tratti veramente di imitazioni. Rimane quindi il dubbio se considerare questo un album di studio nel quale i nostri cercano di apprendere le lezioni del passato o un'operazione postmoderna di citazione selvaggia, un gioco nel quale il divertimento e la soddisfazione dell'ascoltatore sta nel riconoscere chi sia l'oggetto dell'imitazione. Le capacitā interpretative del gruppo sono tali che mi sento di propendere per questa seconda ipotesi e iniziare quindi il gioco da loro proposto.
Va detto che i Pixes hanno una corsia preferenziale tanto che diversi brani (Collagen Rock, Gareth Brown Says, Day of the Deadringers) sembrano non solo composti, ma anche suonati dal gruppo di Black Francis. Lo stesso discorso vale per Clique Application Form che č a tutti gli effetti un pezzo scritto e interpretato dai Jesus Lizard (nel senso che non si limita a sembrarare, č una copia calligrafica). To Hell with Good Intentions ruba l'intro e il riff di apertura a Stigmata dei Ministry, The World Loves Us and Is Our Bitch fa il verso addirittura ai B-52s, con Alan Is a Cowboy Killer sembra di sentire i Fugazi, mentre Whoyouknow potrebbe far pensare ai Beastie Boys e Fuck this Band ai Sebadoh.
Non sembri limitativa questa lista di plagi e citazioni perchč in realtā ognuna delle 14 canzoni di questo disco suona dinamica, potente e compiuta. E con solo tre brani che superano i tre minuti i McLusky si dimostrano anche essenziali al punto giusto rendondo questo disco imprescindibile per gli appassionati dell'indie rock nostalgico.

Aggiunto: September 15th 2002
Recensore: Massimiliano Osini
Voto:
Hits: 1109
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest