Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Giobia ‘Hard stories’

(Jestrai/Area Pirata 2010)

Partiti con l’obiettivo di coniugare le istanze hippy con quelle punk, i milanesi Giobia, dopo l’esordio “Beyond the stars”, con questo secondo lavoro, cambiano strada e virano verso le atmosfere dei ’60.
“Hard stories”, infatti, sembra un disco scritto oltre quarant’anni fa, denso di sonorità vintage, con il suo garage-surf-psichedelico che caratterizza i nove brani presenti in scaletta. La durata stessa di poco più di mezz’ora è tipica dei dischi di quel periodo. La psichedelia è uno degli elementi portanti di questo disco, anche se rarefatta o manifestata con l’organo in primo piano, come in Electric light. Questi quattro milanesi riescono comunque anche ad essere piacevolmente ballabili come nel garage di Underground e nella frenetica Momentum, con un’ottima coda surf. Interessante poi My soundtrack for life, con elementi di pop beatlesiano e di folk inglese. Tra i brani poi troviamo anche un’ottima cover di Are you lovin’me more (but enjoy it less) degli Electric prunes.

Aggiunto: April 7th 2010
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Giobia My Space Page
Hits: 769
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest