Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Cristeirubin ‘Forse In Un’Altra Vita’

(Novunque/Self 2009)

Un esordio che in realtà esordio non è per i Cristeirubin. Sì perché si tratta della nuova creatura del genovese Cristiano Gianni, già negli Zero tra il 1997 e il 2002, già vincitori di Rock Targato Italia nel 1998 e quandi già segnalatisi in ambito pop-rock alternativo. Chiuso quel “ciclo”, Gianni non si è perso d’animo e con questo “Forse In Un’Altra Vita” dà nuova forma alle sue voglie. Niente di sconvolgente, sia chiaro, ma la creazione di questi Cristeirubin scardina le resistenze, grazie a una scrittura che sa essere tanto poetica quanto orecchiabile (esempio lampante è Stop) e a una musica tutt’altro che banale.
Scisma, Perturbazione, una spruzzata di elettronica e qualche accenno più brit si mescolano nel disco, con un mood dimesso ma non depresso che fa da legante tra le varie tracce. Anche se dopo metà disco la tentazione è quella di andare veloci verso la fine vista una certa monotonia, l’attenzione è di nuovo carpita alla numero 6, quando arriva Comediè a Tiroirs. Come suggerisce il titolo, si evocano paesaggi parigini (il pattern sonoro mescola fisarmonica e chitarra acustica) e una morbidezza da passeggiata nei parchi nudi in una grigia giornata d’inverno. La successiva Poco Ed E’ Mattino lambisce i lidi liquidi del post-rock, prima che Hey! Hey! Hey! torni al pop-rock di inizio disco. Sembrano finite le sorprese e invece drum machine e suoni sintetici ci accolgono con un ritmo triste ma incalzante in Nove Tentativi. La traccia di chiusura I’ve Never Been (unica in inglese) sconvolge, gettandosi a capofitto nell’elettronica triste discendente da certi Piano Magic.
Un disco sorprendente e variegato, che parte in sordina per poi crescere pian piano nella seconda parte. Resta un po’ di curiosità nel cercare di capire se la via che prenderanno questi Cristeirubin sarà quella più “tradizionalista” della prima parte del disco o quella maggiormente “sperimentale” della seconda. Un lavoro che mette parecchia carne al fuoco, aspettiamo nuove evoluzioni ma intanto ci rallegriamo per quanto abbiamo sotto le mani.

Aggiunto: March 21st 2010
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Cristeirubin Myspace Page
Hits: 536
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest