Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kings Of Convenience 'Declaration Of Dependence'

(Source 2009)

Per molti, i norvegesi Erik Glambek Bøe e Erlend Øye sono i Simon & Garfunkel del 2000. Sin dall'omonimo esordio di inizio millennio, i due hanno infatti proposto una miscela di folk e pop intimista, fatta di delicati arpeggi di chitarra, sporadici interventi di piano ed archi e soprattutto trasognate armonie vocali, degne del ben più celebre duo americano. Nonostante fossero assai lungi dall’essere rivoluzionari, “Quiet Is New Loud” (2001) e “Riot On An Empty Street” (2004) erano dischi assolutamente gradevoli, contraddistinti da un approccio umile e sommesso e per questo sotto sotto affascinanti.
Con quest'ultimo “Declaration Of Dependence” i due songwriter dimostrano tuttavia che la formula è ormai logora. Non che le canzoni siano brutte, anzi: tutti i pezzi sono formalmente impeccabili. Il punto è che dopo i primi tre (24 – 25, Mrs. Cold, Me In You) si comincia a percepire una fastidiosa senzazione di dejà-vu, accompagnata dal sospetto che il tutto manchi di sostanza, come se le melodie e le parole di cui sono fatte le tredici tracce del disco poggino in realtà sul nulla. Minuto dopo minuto, insomma, ci si rende conto che “Declaration Of Dependence” è un disco a cui manca l'anima, il lavoro di due consumati artigiani che aggiunge poco o nulla al loro repertorio e alla contemporanea scena folk.
I fan probabilmente l'adoreranno, elogiandone la dolcezza e la dimessa malinconia. Ma gli ascoltatori più esigenti (e attenti) non potranno non rendersi conto che si tratta, in fondo, di una minestra riscaldata.

Aggiunto: January 13th 2010
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Kings Of Convenience Home Page
Hits: 463
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest