Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kashiwa Daisuke ‘5 Dec.’

(Noble 2009)

Terzo album per il giovane Kashiwa Daisuke, tra i nuovi esponenti della scena elettronica giapponese. “5 Dec.”, licenziato dalla Noble, è un disco dalla notevole varietà, caratterizzato da alcuni ottimi momenti che riescono a far dimenticare l’adozione di qualche cliché proprio del genere che pure è presente.
Si comincia con la rarefatta e sospesa, Red Moon. La melodia, intonata da poche note di pianoforte e corredata da un elettronica placida (che, tuttavia, non rinuncia a qualche piccola increspatura del tessuto sonoro), tradisce le influenze classiche di Daisuke. La successiva Requiem è invece un cut ’n’ paste dalla furia hardcore. Bogus Music (uno degli highlights del disco) è giocata su beat hip-hop cui si affiancano di tanto in tanto chitarre hard-rock, il tutto coronato da vocals manipolate elettronicamente fino a comporre un flusso glaciale di parole. Il breakbeat a tratti violentissimo di Taurus Prelude fa da apripista alla techno-oriented Black Lie, White Lie, in cui l’uso di campioni di chitarre hard tradisce di nuovo un approccio sempre aggressivo. Silver Moon (altro capolavoro del disco) è uno spezzatino schizofrenico e balbettante, lungo oltre otto minuti, a base di beat elettronici e melodie pianistiche. Broken Device, con la sua melodia pianistica rarefatta, si ricollega all’incipit dell’album. Decisamente più interessante About Moonlight, arrangiata per pianoforte martellante, beat frantumati e violino classicheggiante. E mentre Aqua Regia, nonostante la ritmica fulmicotonica, offre anche qualche (stupenda) apertura melodica affidata al piano, in Beautiful Sunday la barbarie è totale: orrende deflagrazioni industriali sfociano in una cacofonia post-atomica che è un autentico assalto ai timpani e al sistema nervoso dell’ascoltatore.
Arrangiamenti geniali ed eclettismo compositivo sono i punti di forza di “5 Dec.”, che conferma Daisuke come uno dei più promettenti musicisti elettronici odierni.

Aggiunto: March 6th 2010
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Kashiwa Daisuke MySpace Page
Hits: 522
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest