Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lunarsea 'Route Code Selector'

(Punishment 18 Records/Kick Agency/Andromeda Distribuzione 2009)

L'album della band capitolina Lunarsea, arriva dopo il loro debutto con 'Hydrodynamic Wave' uscito nel 2007, due anni serviti ai cinque per affinare la tecnica, suonare in Europa e farsi conoscere. E' veramente l'album che li vedrà affermarsi come realtà del death metal melodico?
Decisamente 'Route Code Selector' di carne a fuoco ne mostra proprio tanta, la band non si accontenta di conformarsi al classico stile di stampo svedese che fin troppi stanno percorrendo e invece fonde thrash brutal e progressive per tentare proprio in tutti i modi di farsi vedere. E a volte ci riescono pienamente, come nella splendida Ashen che spezza il disco a metà o il modo in cui gli splendididamente aggressivi riff di Sulphur's Song, The Swan Died s'intrecciano con gli arpeggi.
Ritmi spaccacollo e doppio pedale fisso non mancano di certo, i Lunarsea non risparmiano alcun colpo all'ascoltatore e la produzione li aiuta, penso sia uno dei dischi death più ben prodotti che abbia ascoltato negli ultimi tempi. Insomma la Punishment 18 sicuramente crede nella band capitolina, ed è difficile per me trovare qualcosa che possa smentire la fiducia dei nostri. Perfino i testi non si crogiolano nelle solite tematiche metallare noiose, ma sembrano comunque voler cercare qualcosa di alternativo, non riuscendoci proprio sempre, ma apprezzabile comunque il tentativo.
Al massimo potrei discutere qualche scelta stilistica, per esempio a tratti ho trovato il growl di Filippo Palma troppo aggressivo per il genere suonato dai nostri (per esempio nell'apertura di In a Firmness Loop Day) e alcune aperture melodiche con i coretti suonano decisamente fuori posto. Ma sono dettagli che dopo 49 minuti contano proprio poco.
Route Code Selector insomma è il risultato di un gran lavoro da parte della band che va sicuramente ascoltato. Se dovete ascoltarvi un solo album di death melodico uscito nel 2009, direi che il nuovo dei Lunarsea è davvero un'ottima scelta.

Aggiunto: February 12th 2010
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Lunarsea My Space Page
Hits: 768
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest