Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Claudio Rocchetti ‘The carpenter’

(Wallace Records/Boring Machines 2010)

Ecco a voi una altro prezioso disco di pura sperimentazione pubblicato dalla Wallace, ma questa volta in collaborazione con la Boring Machines. Il protagonista è un personaggio che da qualche tempo frequenta gli ambienti del sottobosco indie-speirmentale del giro Wallace, si tratta di Claudio Rocchetti, che, oltre a suonare da solo, è membro dei 3/4 Had been eliminated, degli Olivetty, degli In Zaire e degli G. I. Joe.
Le sperimentazioni noise di Rocchetti sono quasi sempre minimali, rendendo nel complesso il sound rarefatto. In questa occasione ha voluto mettere insieme ambienti domestici con i rumori del ventunesimo secolo, utilizzando diverse fonti sonore, tra cui registratori, giradischi e mixer, che vengono maltrattati e percossi per ricavarne nuovi suoni ed interferenze da tagliare ed amplificare.
Gli strumenti utilizzati da Rocchetti sono arpa, chitarre e voci. Se andiamo ad analizzare alcuni suoi brani scopriamo i contrasti tra arpeggi rilassati e la tensione noise che traspare in Nothern exposure o la stralunata, (infatti sembra che venga da altri pianeti) e suadente The black lake, brano che inquieta e rilassa, lasciando nell’ascoltatore una sensazione indefinita. Mandelsshon, invece, presenta degli arpeggi distaccati, con delle pause, seguite da una chitarra che cresce di intensità rumorosa e di inquietudine, questo brano lascia poi il posto ad Arienti, che sembra rubato alle malinconie del primo Vinicio Capoossela, seppure inframmezzato da rumori assortiti.
“The carpenter” è un disco che nasconde molte energie e che si lascia scoprire con calma.

Aggiunto: January 19th 2010
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Wallace Records Home Page
Hits: 618
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest