Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Encyclopedia Of American Traitors ‘Discography’

(Shove 2002)

Ultima uscita per la distro-label Shove di Alessandria è questa raccolta degli americani Encyclopedia Of American Traitors ( che nome ragazzi!). 44 minuti, 15 canzoni prese dai loro rari 7”s, splits, compilations varie. Gli EOAT sono un gruppo ultra-politicizzato che fa dell’emo-screamish e del furore grind-powerviolence il proprio vessillo. Testi che faranno la felicità del popolo no-global: ”..the upper and lower classes! If they stop obeying, the system falls..” recita la nota iniziale ma disobbedienza e rivoluzione sono il leit-motiv di tutte le liriche: “..pacifism has become obsolete..” (Linchpin), “..business owns politic power..” (Clandestine), “..placing human potential in the hands of enemies empowers the source of our oppression..”(Accept And Settle).
Musicalmente parlando è ineccepibile la loro abilità nello sferrare assalti sonici coniugando sapientemente: grind, fast-core, grezzo punk ’77 e power-violence. Voce urlatissima a volte esasperata in stridori e richiami giungleschi. Vi basterà ascoltare Contemporary Scrawl o l’iniziale Repulsive per convenire con me. Che dire poi di Linchpin con quell’intro da cartoon anni ’50 o dei brani scritti in spagnolo: Pan Y Sangre e Piladoras Amargas? Insomma qua è una goduria farsi sanguinare le orecchie. I rallentamenti sono frequenti e non manca il momento riflessivo acustico-tribale (Untitled).
Gran finale con la sabbathiana Into The Void straziata e cantata da un “cyber-Chipmunk”, molto, molto gustosa. Come dicono al termine di Misdirected:“This Is America!”. Sì, l’America è anche questa…per fortuna.

Aggiunto: November 19th 2002
Recensore: Accorsi Diego
Voto:
Link Correlati: www.shoverecords.com
Hits: 1097
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest