Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kazumasa Hashimoto 'Tokyo Sonata Original Soundtrack'

(Noble Records 2008)

Ritratto attuale di famiglia giapponese, dove tutto scorre, ma una nota disarmonica, giunge improvvisa a turbare la quiete.
“Tokyo Sonata”, è la prima colonna sonora, composta da Kazumasa Hashimoto, per l'omonimo film di Kiyoshi Kurosawa, premiato dalla giuria nel 2008, al Film Festival di Cannes, nella sezione, Un Certain Regard.
La trama, narra di un dissesto interno, semplice da comprendere di questi tempi.
Un dirigente di una grande azienda viene improvvisamente licenziato, ma manca del coraggio necessario, per confessare l'accaduto alla propria famiglia.
Continuerà a fingere che nulla sia mutato, sperando e cercando, un'altra possibilità per andare avanti.
Ma all'interno del nucleo familiare, le traiettorie, cambiano drammaticamente direzione.
Un figlio, vuole arruolarsi nell'esercito statunitense, mentre il più piccolo, prendendo lezioni di piano di nascosto dal padre, scoprirà di avere un'incredibile talento musicale.
La colonna sonora, risulterà centrale, nella descrizione del progressivo incrinarsi, dell'unità familiare tanto agognata.
Alla sua quinta uscita, Hashimoto, utilizzando piano, mellotron, chitarra e rumori, realizza una serie di ventidue riusciti bozzetti, pastoral/cameristici, che si svincolano agilmente dalla visione.
Ed all'ascolto, si rimane stupiti.
Uno stato di serena grazia cangiante, che si protrae, minimale e sensuale.
Brevi paesaggi sonori, immersi in un languore fanciullesco, fra inflessioni Debussy, Satie, Eno.
Adombramenti ed aperture speranzose, stasi e contemplazione.
Ryushi, nel suo apparire e subito scomparire, è esemplificativa.
Una nube, che offusca lo sguardo, per poi lasciar di nuovo spazio al cielo.
Perfetta.
E la suggestione profusa tutto intorno, si aggancia piacevolmente al Wenders di “Alice Nelle Città”.
Camminare sotto un cielo grigio, con i bordi tinti di rosso, non riconoscendo le strade mille volte percorse.
Ammaliante.

Aggiunto: December 14th 2009
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Noble-Label Home Page
Hits: 588
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest