Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Levis Hostel ‘Star Bell Jar’

(Persian Surgery/Outline 2009)

E’ passato poco più di un annetto dall’ep di esordio “A Minor Quarrel” che aveva segnato il debutto discografico del progetto Levis Hostel, che ritroviamo Ezio Piermattei e i suoi compagni di ventura alla prova della lunga distanza. Se all’esordio era evidente un cordone ombelicale che collegava i nostri a David Bowie e agli Stone Roses, il quintetto stavolta sembra meno legato a quegli stilemi e si avvicina di più a un alt-pop più tardo-pavementiano (non a caso chiude il disco la cover di Stephen Malkmus e soci Here, resa più ariosa, quasi sinfonica) a tratti non dissimile dai nostrani Yuppie Flu, sempre però filtrati attraverso il glam del Duca Bianco.
A emergere è una sottile vena psichedelica che lega molte delle tracce dell’album, cui fanno da eccezione Pink Cocoon, composizione ambientale dilatata posta a metà disco a spezzare il mood generalmente spensierato dell’album inghiottendoci in un vortice di feedback ipnotici ronzanti, e appunto la conclusiva Here, che il Piermattei inserisce senza forzature nel disco inglobandola nello stile del disco senza però stravolgere la delicatezza straziata dell’originale.
I Levis Hostel mostrano una gran voglia di cercare un sound personale, ma il risultato, per quanto piacevole, è raggiunto solo in parte. Disco ancora troppo citazionista, inoltre Pink Cocoon sembra buttata a metà disco come puro riempitivo. Sufficiente, nulla più per ora.

Aggiunto: November 22nd 2009
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Levis Hostel Myspace Page
Hits: 581
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest