Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


I'm Anita 'Nacu Sbboccl'

“Nacu Sbbocc” (?!) oltre ad essere il titolo dell’ultimo lavoro dei tre civitanovesi: I’m Anita (contorto gioco di parole che cela il nome del fungo Amanita) è anche il nome di un gioviale orsacchiotto, dalla storia alquanto travagliata e vissuta, che incarna in definitiva l’iconografia feticistica del gruppo. Comunque se siete interessati ad approfondire il tutto, il cd, oltre alla musica, è dotato di diverse tracce multimediali, in cui viene narrata sia la storia ‘intima’ di Nacu, che raccolti ‘ipotetici’ stralci d’articoli, dedicati ai tre da diverse tesate giornalistiche internazionali (Le Monde ecc.). Inoltre è possibile ascoltare due brani che non compaiono sul cd: Celestino, gioco d’interposizione vocale dal sapore sperimentale, e Non Esiste Tempo, in cui si unisce un a-ritmico acid- funky leggermente perbenista, che rispolvera le stravaganze tossiche apportate al genere dai veterani Medesky Martin & The Wood insieme a pasticci sonici, che cuciono all’unisono lounge music alla Mancini e raga stravolti dall’uso dell’elettronica. Diciamo che gli I’m Anita (ah scordavo…composti da Matteo Ciminari alla chitarra, Mattia Borraccetti al basso e Maurizio Diomedi alla batteria) si presentano nelle vesti di un discreto power-trio, diviso dall’amore per i controtempi veloci di stampo neo-prog alla Naked City, certa insana passione per l’hard rock (perché?), e un interesse che non sembra essere coltivato più del dovuto per il jazz (in particolare la batteria di Diomedi). Di momenti, diciamo intensi, non mancano, si va dall’iniziale Hhh, dove ancora una volta viene ritagliato un’attimo di tempo all’uso estemporaneo della voce, al jazz ‘nascosto’ dalle forse troppo predominanti sfuriate chitarristiche di Ciminari in Amanita, decisamente naif grazie anche alla fugace presenza dell’oboe di Giacomo Piccioni. Non resta che fare tanti auguri agli I’m anita, perché vengano conosciuti più ad ampio raggio. Forse un nuovo Trio Magneto è nato? Speriamo di si, solo che un po’ meno di Hard Rock non credo faccia male, anzi… Giudicate voi. Per chiedere il cd contattare direttamente : macciamar@hotmail.com o macusbboccl@yahoo.it

Aggiunto: October 28th 2002
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: I'm anita home page
Hits: 1462
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest