Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bob Dylan ‘Together Trough Life’

(Columbia 2009)

Bob Dylan appartiene a quella schiera di artisti musicalmente immortali. Nel senso che il celebre songwriter americano sembra essere provvisto di una tale quantità di talento da non poter, semplicemente, fare brutti dischi. Frugando nella sua ultraquarantennale carriera è infatti un’impresa assolutamente ardua trovare un episodio davvero mediocre: forse il solo “Self Portrait”, 1970, lascia a desiderare. Per il resto, tutta la sua discografia è un brulicare di autentiche pietre miliari (tanto per essere banali: “Highway 61” e “Blonde On Blonde”, ma ci sarebbero tanti altri dischi da citare) ed album di ottima fattura, che se non hanno raggiunto lo status di capolavori è solo perché offuscati dal mito di dischi che si sono imposti non solo come opere musicali di straordinario valore, ma anche come veri e propri reperti culturali della società Occidentale.
Con “Together Trough Life” Dylan prolunga la striscia di lavori positivi di questi suoi anni 2000, inaugurata da “Love And Theft” (2001) e proseguita con “Modern Times” (2006). E lo fa con una manciata di pezzi blues-rock ruvidi e ben suonati (Beyond Here Lies Nothin’, My Wife’s Home Town, Jolene, Shake Shake Mama e It’s All Good), intervallati da splendide ballad (Life Is Hard, This Dreams Of You e I Feel A Change Comin On), cantati con la solita leggendaria voce ruvida e gracchiante, che da sola fa metà del fascino del disco.
Un’opera assolutamente preziosa, dunque, per quello che orma da tempo, più che un “semplice” musicista, è una vera e propria leggenda.

Aggiunto: September 14th 2009
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Bob Dylan Home Page
Hits: 533
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest