Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dead To Fall 'Everything I Touch Falls To Pieces'

Victory 2002

Spesso un album di debutto per una band è un grande traguardo, per l’ascoltatore invece si rivela essere quasi sempre una perdita di tempo. Di solito le eccezioni non sono benvenute dagli artisti, sanno tutti che fare un primo album eccellente equivale a creare grandi aspettative, vera e propria maledizione. Ed è proprio quest’ultima che pervade il cd di debutto dei Dead To Fall, originari di Chicago.
Un cd di death metal-incontra-hardcore praticamente perfetto, chiaramente ispirato ai cari amici Darkest Hour (anche loro con la Victory Records). Un mix fra mentalità swedish metal tipica degli At the Gates e brutalità di gruppi come Spineshank e Chimaira.
Niente è fuori posto qui, le canzoni filano uno dopo l’altra senza spezzarsi o cadere di tono. La produzione è perfetta, la voce di Jonathan Hunt un grugnito spaventoso che ogni tanto si trasforma in urlo disumano e le chitarre una grattugia sull’orecchio dell’ascoltatore.
Stupendo anche il booklet e il design del cd, decisamente molto più professionale di molte produzioni simili. Perfino i testi sono all’altezza della situazione, anche se in effetti si potevano risparmiare un titolo in italiano stentato (‘Tu Se Morta’… che vergogna).
E c’è addirittura una chicca strumentale gestita dall’ottimo Antone Jones che si trova a suo agio anche con una chitarra acustica, e si sente.
Ai Dead To Fall non rimane che guardare al futuro con ottimismo, e a noi non resta altro che ascoltare.
E ascoltare.
E ascoltare.

Aggiunto: November 9th 2002
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: www.deadtofall.com
Hits: 1150
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest