Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Gbur 'Third Obstacle'

(Setola Di Maiale 2009)

Son trascorsi dieci anni, dall'ultimo incontro con il progetto Gbur.
Ci avevano lasciati con il doppio “Integrale”, e sinceramente, sembrava faccenda chiusa a quel punto.
Troppo frenetici gli interpreti di sempre (o quasi), Dominik Gawara, Stefano Giust, Ivan Pilat e Daniele Pagliero.
Idee, esecuzione e produzione, a ciclo continuo, senza quasi neanche la possibilità di sudare, o farsi una pisciatina.
Eppure, invece, quando meno lo aspetti, Gbur torna.
Torna con i quattro sopracitati, più, Davide Did Lorenzon, Alessandro Fiorin Damiani, Alberto Collodel e Stefano Ferrian.
Tornano in otto, ma si lascian tutti adeguato spazio, esibendo arte mimetica gentile e livido fervore che non lascia ecchimosi evidenti (ma agisce sul lungo termine...).
Trastullandosi live, con basso acustico, kaoss pad, batteria ed oggetti, sax baritono, tromba e voce, samples, elettronica , clarinetto basso, sax tenore e sax alto (qualcos'altro che perdo...), Gbur, svomitazza sei tranci di carne viva, che nascono infetti d'impro, ma ben più strutturati d'uno sberleffo paiono.
Saltando la fase aggressiva, Gbur, si incaponisce (bene...), nell'indagar, un territorio in forte pendenza, dove è possibile imbattersi in fantasmi Miles, riletti in chiave noir e trascritti su corpo Laswell (sottraendovi quella fastidiosa punta di snobismo world music. L'approccio, questo, è rustico, odoroso, e debitamente di taglio punk dadaista).
Cool come pochi; altroché.
Leoni con più criniera in questo terzo atto, i due sempre di casa nel progetto, Giust e Gawara, ed il quasi sempre (di casa), Pagliero.
Fra pelli, legni e metalli, sbreccolamenti ritmici, gomme sintetiche e corde in simil loop (di gomma, pure queste, quasi, paiono, forse...).
E si ha voglia, di non dover attendere altri dieci anni.
Nel catalogo Sst di un tempo, avrebbero fatto un figurone, ora, li dovrebbero pagare, per starci su quel catalogo.
Eretici in frenetica azione funk (la nostra Arkestra?).

Aggiunto: November 15th 2009
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Setola Di Maiale Home Page
Hits: 780
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest