Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Above The Tree 'Minimal Love'

(Marinaio Gaio/Boring Machines/About a boy/Brigadisco/Stonature/Shipwreck/Untouchable Woman 2009)

Finisci il primo ascolto e hai già la certezza di aver goduto di uno dei migliori dischi italiani dell'anno, di quelli che solcano i tempi e lasciano il segno.
Dopo il già ottimo "Blue Revenge", Marco Bernacchia (M.A.Z.C.A. e Gallina, solo per citare alcuni dei suoi trascorsi progetti) conferma quanto di buono aveva lasciato intravedere, allarga l'orizzonte, e raggiunge la maturità completa: "Minimal Love" è un Paese delle Meraviglie del Terzo Millennio sotto forma di trance folk ipnotica, in cui il tempo è scandito da chitarre che prima stendono tessuti di suono a trame larghe, poi li ricamano di arpeggi a orologeria; il rumore e i disturbi, mai sopra le righe o fini a se stessi, elementi portanti della struttura, e le percussioni di qualsiasi cosa circondi l'autore nel momento dell'esecuzione, fosse una batteria, una macchina da scrivere o le pareti della stanza. La materia e l'ambiente, coprotagoniste di Bernacchia nel progetto Above the Tree, tesi peraltro confermata da ogni suo live al quale capiti di assistere, dove ogni oggetto assume valenza di strumento musicale.
Bunny in love è semplicemente sublime, un carillon della mente; Ta-ta-ta-t, col suo bosco bucolico-digitale, è uno sputo a Giardini di Mirò e derivati di scarto, e qualche goccia arriva in faccia anche agli Hood, viva la blasfemia; Go Home, terzo capolavoro, è blues psichedelico dilatato, pura ipnosi, compenetrazione di presenza e assenza. A seguire il resto, tra cui l'incursione noise di 70% of hate, complemento naturale della 30% of love del capitolo precedente, e non solo nel titolo; i cori strampalati, le invasioni di far west e delle sagre di paese in Hallo winter e Altrimenti ci arrabbiamo; la malinconia di Gli oggetti e Silent song, ballad ideali in un mondo ideale.
Drake? Animal Collective? Flaming Lips? Forse. Certamente, Above the Tree.
Presenziano Michele Grossi, Mattia Coletti, Marco Cattaneo, Maurizio Gianotti, registrato in camera da letto.
Coproducono sette etichette alle quali vanno un applauso e un grazie per non aver relegato "Minimal Love" nell'ombra, cosa che sarebbe stata un crimine. Non ascoltarlo e non diffonderlo sono invece reati di complicità, nonchè quanto di peggio possiate fare a voi e ai vostri cari.

Aggiunto: November 10th 2009
Recensore: Alessandro Gentili
Voto:
Link Correlati: ABOVE THE TREE Home Page
Hits: 649
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest